Mailing list





* campi obbligatori

Come allenare il proprio cervello


Condividi questo articolo »

Come allenare il proprio cervello

La cultura per il benessere fisico è diventata ormai un “must” per tantissime persone. Le palestre vengono prese d’assalto ed anche gli ambienti all’aperto brulicano di runners o bikers alla ricerca della forma fisica perfetta nella speranza che questa possa incidere anche sul benessere psichico. Non vi è dubbio che ci possa essere una relazione, ma il fitness per il cervello o neurobica  si produce con una ginnastica differente.

I nostri circuiti celebrali possono essere preservati ed in moltissimi casi anche potenziati.  A sostenerlo è il neurobiologo Lawrence Katz che, oltre ad aver coniato il termine “neurobica”,  ha scritto il libro “Fitness della mente” (Edizione Red) in cui propone diversi esercizi per allenare il cervello, introdurre nuovi stimoli e combattere gli automatismi della routine.

L’obiettivo è quello di creare nuovi circuiti celebrali dal momento che è ormai risaputo che le persone non smettono di generare nuove cellule nell’area “grigia”, soprattutto se questa viene stimolata nella maniera più opportuna.

Certamente decine di miliardi di neuroni  muoiono con l’avanzare dell’età ma il programma di neurobica di Katz permette di contrastare questo fenomeno.

La regola numero uno è quella di “rompere le abitudini”  e scardinare gli automatismi.

Le modalità possono essere tante e alla portata di tutti; ad esempio usando la mano non dominante per  piccoli gesti come mangiare, lavarsi i denti, aprire la porta di casa, ecc. Allo stesso modo si può giungere in ufficio o al centro commerciale con percorsi stradali alternativi. In questo modo si creano nuovi “circuiti celebrali” e si rafforza anche l’emisfero opposto a quello dominante.

Nel fitness della mente non poteva mancare uno sviluppo armonico di tutti i sensi, soprattutto quelli meno utilizzati. Come certamente sappiamo dalla Programmazione Neuro Linguistica ognuno di noi privilegia un canale sensoriale primario a scapito degli altri, pertanto diventa di fondamentale importanza allenare quelli meno impegnati. Il visivo potrebbe esercitarsi mettendo a riposo la vista ed attivando gli altri canali sensoriali. Per esperienza personale posso affermare che  bastano pochi minuti al giorno per  scoprire che il cervello è in grado di riconoscere ed apprezzare suoni apparentemente sconosciuti  e che l’olfatto può funzionare meglio di quanto di creda.

Per maggiori approfondimenti invito alla lettura dell’articolo scritto da G. Milano sul mensile CAPITAL di marzo 2015, a cui mi sono ispirato, oppure direttamente al libro “Fitness della Mente” di Lawrence Katz.

Giorgio Pisano

a cura di: Giorgio Pisano

pubblicato il: 08/09/2015

Fitness per la mente,

Clicca qui per acquistare il libro

Articoli correlati

Come allenare il proprio cervello

08/09/2015

Fitness per la mente,

Come si diventa un Leader generativo

01/01/2015

leadership generativa

La straordinaria storia di Luciano ed Angelo

27/11/2014

Luciano ed Angelo, Blackshape

Quando un sogno diventa realtà

Target School

Via Turati 4/d- 4 PIANO - 09045 Quartu Sant'Elena
Tel (+39) 070 880074 - Fax
email: info@targetschool.it

Copyright ©2014. Tutti i diritti riservati. Credits Karalisweb